I CANDIDATI AL PARLAMENTO DELLE FALSE FALCE E MARTELLO
Alle prossime elezioni politiche del 13 maggio saranno presenti quattro partiti o movimenti nei cui simboli compare il simbolo della falce e martello: PdCI, PRC, "Movimento per la confederazione dei comunisti", "Iniziativa comunista". Si tratta con tutta evidenza per di false falce e martello perch‚ esse non riflettono affatto degli autentici partiti proletari rivoluzionari e marxisti-leninisti, ma dei partiti e movimenti sfacciatamente neorevisionisti e trotzkisti. Quelle del "Movimento per la confederazione dei comunisti" e di "Iniziativa comunista" addirittura si stagliano su una grande stella rossa a cinque punte che richiama sinistramente quella delle sedicenti "Brigate rosse". Non ci occuperemo qui dei programmi politici, che peraltro non sono stati ancora resi noti da tutte le liste in questione. Prenderemo in esame la lista dei loro principali candidati e risulter ben chiaro come tutti siano accomunati dalla stessa origine politica revisionista, trotzkista e operaista, pi- o meno dichiarata, mentre la loro origine di classe, soprattutto di coloro che sono destinati ad essere eletti, sostanzialmente borghese. Per quanto riguarda il PdCI di Cossutta e Diliberto ben noto che le proprie candidature sono state concordate e spartite in funzione dei vantaggi ai vari candidati del "centro-sinistra" di cui ormai sono di fatto parte integrante. Ma certo il PRC di Bertinotti non sfugge alla stessa logica elettoralistica e spartitoria che ha caratterizzato la formazione delle liste dei due poli. A parte il regalo gratuito fatto al "centro-sinistra" attraverso la cosiddetta "non belligeranza", per la quale il PRC ha rinunciato spontaneamente a presentare propri candidati nei collegi uninominali della Camera, vi il modo con cui lo stesso falso partito della Rifondazione trotzkista giunto a formare le proprie liste. In sostanza, fatto un calcolo approssimativo di quanti deputati Rifondazione avrebbe potuto far eleggere il 13 maggio, in base ai risultati delle ultime regionali 2000, la direzione nazionale del 23 febbraio, su proposta del responsabile nazionale dell'organizzazione Aurelio Crippa, ha approvato, non senza aspre polemiche interne, un pacchetto bloccato di 13 nomi. Fra questi ovviamente non vi neanche un operaio o un lavoratore, che invece ritroviamo qua e l nelle liste a mo' di specchietto per le allodole con la certezza che non verranno mai eletti. C' da dire che anche le minoranze interne del PRC, a cominciare dai trotzkisti dichiarati alla Maitan, Grisolia e Ferrando, pur contestando le scelte della direzione, si sono poi adeguate e hanno accettato di buon grado di far parte delle stesse liste, confermando in pieno il loro opportunismo. Ma passiamo ora in rassegna le biografie politiche dei principali candidati dei singoli falsi partiti e movimenti comunisti, in attesa poi di tornarci qualora saranno eletti. In corsivo, fra parentesi, abbiamo indicato il numero o i numeri de Il Bolscevico che hanno trattato la biografia dei vari candidati.

PRC
Iniziamo dai tredici candidati per la quota proporzionale della Camera votati dalla Direzione nazionale del PRC e destinati, in teoria, ad essere eletti. Essi sono, in ordine alfabetico: Vittorio Agnoletto, Fausto Bertinotti, Elettra Deiana, Titti De Simone, Franco Giordano, Alfonso Gianni, Ramon Mantovani, Graziella Mascia, Giuliano Pisapia, Marilde Provera, Giovanni Russo Spena, Fausto Sorini, Nichi Vendola. Vediamo chi sono iniziando dall'attuale segretario nazionale Fausto Bertinotti (5/94 e 22/95) del quale ricorderemo solo la sua origine nel PSI, poi nel PSIUP, poi ingraiano nel PCI e leader di "Essere sindacato" nella Cgil. Quindi pidiessino e segretario del PRC. Deputato uscente, si candida alla Camera come capolista in ben tre circoscrizionI, ossia Piemonte 1, Lazio 1 e Sicilia 1. Vittorio Agnoletto invece uno dei tre indipendenti nelle liste del PRC, di presidente della Lila (la Lega italiana della lotta contro l'Aids), recentemente stato il portavoce della delegazione italiana al Forum mondiale di Porto Alegre. Si presenta nelle circoscrizioni di Liguria e Marche. Elettra Deiana candidata nella circoscrizione Lazio 1, una trotzkista e femminista storica, proviene dalla cosiddetta "IV Internazionale", LCR, segreteria nazionale di DP, poi Rifondazione. Caterina (detta Titti) De Simone, 31 anni, un'altra indipendente. Presidentessa dell'Arci-Lesbica, candidata in Emilia-Romagna, Toscana e Campania 2. Franco Giordano (31/97), 43 anni, proviene dalla FGCI, un bertinottiano membro della Segreteria nazionale e attuale capogruppo del PRC alla Camera. Si candida in Emilia-Romagna e Abruzzo. Alfonso Gianni un altro fedelissimo di Bertinotti per il quale svolge la funzione di collaboratore e col quale ha scritto gli ultimi libri "Le due sinistre" e "Le idee che non muoiono". La sua biografia ne fa un imbroglione trotzkista-doc: proviene dalla FGCI, poi fa parte del PCdI(m-l)-Nuova Unit, quindi OCI m-l, Movimento lavoratori per il socialismo, PdUP, PCI. Tra il 1979 e il 1987 deputato prima col PdUP poi col PCI. Dall'88 al '93 sta nella Cgil, quindi entra nel PRC non dalla prima ora, ma con Bertinotti divenendo membro della Direzione nazionale e responsabile dell'Ufficio di programma del PRC. E' candidato in Lombardia 2. Ramon Mantovani (31/97), 46 anni, ex movimento studentesco di Milano, gi dirigente del Movimento lavoratori per il socialismo, poi PdUP e federazione milanese del PCI. Deputato dal '92 al '94 e rieletto nel '96. E' responsabile delle politiche internazionali della Segreteria nazionale del PRC. E' capolista in Toscana. Graziella Mascia, 47 anni, coordinatrice della Segreteria nazionale. Assieme ad Aurelio Crippa, col quale condivide l'origine cossuttiana, recentemente sono stati indicati come i promotori di un'ennesima corrente interna al PRC che avrebbe come obiettivo quello di creare una "sinistra plurale" alla francese riaprendo il dialogo con i diessini e un rapporto pi- stretto con la Cgil di Sergio Cofferati. E' candidata in Liguria e Lombardia 1. Giuliano Pisapia (31/97), avvocato penalista, figlio di Giandomenico. Origine cattolica, "sessantottino", con "Autonomia operaia" fond il collettivo di via Decembrio a Milano. Nell'80 fece 6 mesi di carcere perch‚ imputato di partecipazione a banda armata ("Prima linea"), poi prosciolto. Si avvicina a DP e riprende la redditizia carriera di avvocato (1 miliardo, 13 milioni e 589 mila lire dichiarati per il 1999). Sta con le Acli, Agesci, Telefono Azzurro. Gi deputato uscente, si ricandida come indipendente nella circoscrizione Lombardia 1. Marilde Provera, 48 anni, presentata come l'unica candidata proveniente dal "mondo del lavoro". In realt segretaria della Lega centro della Fiom di Torino e candidata, oltre che alla Camera nelle due circoscrizioni piemontesi, anche a sindaco del capoluogo. Giovanni Russo Spena (46/91 e 31/97), attuale presidente dei senatori del PRC. Proviene dalle Acli, poi Movimento politico dei lavoratori (MPL) di Labor, PdUP, Avanguardia operaia, DP di cui diviene segretario fino alla confluenza nel PRC. E' candidato alla Camera circoscrizione Campania 1. Fausto Sorini, ex Movimento studentesco di Milano, poi PCI, Direttore della rivista filosovietica "Interstampa", membro dell'Associazione culturale marxista fondata e diretta da Cossutta, dirigente dell'Editrice Aurora e di "Comunisti oggi" con pesanti accuse di essere stati finanziati con i rubli di Mosca. All'uscita di Cossutta, rimane nel PRC. E' candidato in Lombardia 2 e Sardegna. Nichi Vendola (46/91 e 31/97), 42 anni, nella FGCI dal '72, ex dirigente dell'Arci-gay e deputato del PRC dal '92. Cattolico e trotzkista anticomunista. Si candida in Campania 2 e Puglia. Vediamo ora gli altri principali candidati, i quali hanno poche o nessuna chance di essere eletti. Fra i trotzkisti storici provenienti dalla cosiddetta "IV internazionale" troviamo anche il segretario nazionale di tale organizzazione Livio Maitan, FGSI, poi "Viva il leninismo", "Tribunale Russel", candidato al Senato nel collegio di Roma 4, Franco Russo, FGCI e PCI, espulso perch‚ trotzkista, fondatore del "Centro Che Guevara", cofondatore dei "Nuclei comunisti rivoluzionari", "Il Comunista", "Viva il leninismo", "Avanguardia comunista", DP, Verde arcobaleno, poi PRC candidato al Senato Roma 5, Luigi Malabarba, anarco-sindacalista, ex operaio dell'Alfa Romeo di Arese, dirigente prima della Fiom poi coordinatore nazionale del Sin Cobas, DP, poi PRC, candidato al Senato Milano 5. Un origine palesemente trotzkista e pseudo rivoluzionaria possono vantare anche Ugo Boghetta (31/97), 50 anni, ex Avanguardia operaia, poi DP di cui stato consigliere comunale a Bologna dall'85 al '92. Deputato dal '92 si candida al Senato in Emilia-Romagna; Paolo Cacciari giornalista e fratello del filosofo trotzkista ex sindaco di Venezia Massimo, che si candida al Senato Veneto 1; Franco Calamida, proveniente dal PSI, dirigente della Sit-Siemens di Milano nel '68, poi Avanguardia operaia, DP, "A Sinistra", Direttore di "Notiziario DP", e quindi approdato al PRC, candidato al Senato Milano 3; Fausto C, 51 anni, avvocato penalista, gi segretario provinciale di DP, tra i fondatori del PRC di cui membro della Direzione nazionale, senatore uscente si ricandida al Senato nel collegio lombardo di Rozzano; Paolo Ferrero, ex DP torinese, poi PRC per il quale capogruppo consiliare a Torino, leader di una componente minoritaria trotzkista, ora responsabile del Dipartimento associazionismo e movimenti, candidato al Senato Piemonte collegio 9 (Pinerolo); Umberto Gay (14/97), ex Autonomia operaia, consigliere comunale a Milano per DP dal '90 poi per il PRC, candidato al Senato Milano 1; Domenico Iervolino, docente di filosofia, proviene dalle Acli, poi MPL di Labor, ex direttore di "A Sinistra", cofondatore nel '72 del PdUP, poi PdUP per il comunismo, poi DP, dal '79 all'87 consigliere regionale campano per DP, assessore all'educazione al comune di Napoli nella giunta Bassolino, candidato al Senato Campania 3; Lidia Menapace, docente universitaria, femminista storica, ex partigiana, dal '45 al '68 nella DC di cui membro del Consiglio nazionale, nel '69 entra nel "manifesto", nel '74 nel PdUP, nell'84 la minoranza del PdUP per il comunismo, da lei capeggiata, rifiuta di confluire nel PCI e d vita al Movimento politico per l'alternativa (MPA), poi esponente della "Costituente della strada", ora PRC luxemburghiana candidata alla Camera in Trentino-Alto Adige; Raul Mordenti, proviene da Avanguardia operaia, poi DP, poi PRC, candidato nel Lazio Roma 7; Paolo Pietrangeli (23/95), anarco-trotzkista, ha cavalcato la tigre della Grande Rivolta del Sessantotto per acquisire meriti di cantautore, da anni nel libro paga di Berlusconi in qualit di autore e regista del "Costanzo show" e attore, dal 10 novembre 2000 assessore alle politiche della partecipazione del Comune di Roma, si candida al Senato nel Lazio collegio di Roma 6. Pinto Domenico, leader dei disoccupati organizzati di Napoli negli anni '70, nel '76 deputato per Lotta continua nelle liste di DP, il portavoce del Comitato per la scarcerazione di Sofri, Bompressi e Pietrostefani, candidato al Senato in Friuli-Venezia Giulia. Provengono dal PCI i seguenti candidati: Francesco Bonato, 51 anni, dipendente comunale, gi vicesindaco di S. Stiro di Livenza per il PCI, dal '90 consigliere e dal '93 al '95 vicepresidente della provincia di Venezia, candidata alla Camera Veneto 2; Aurelio Crippa, ex FGCI, ex membro del CC del PCI, ex dirigente Fiom-Cgil, poi segretario della Camera del lavoro di Sesto S. Giovanni e di quella di Milano, membro della Direzione nazionale, responsabile dell'organizzazione, senatore uscente si ricandida al Senato collegio Milano 6; Maria Lenti (31/97), insegnante, ex corrispondente de "l'Unit", deputata uscente candidata alla Camera nelle Marche; Giorgio Malentacchi (31/97), gi assessore e vicesindaco a Cortona per il PCI, presidente del PRC di Arezzo, deputato uscente, candidato al Senato Toscana collegio di Cortona; Maria Celeste Nardini (31/97), 48 anni, femminista e pacifista, stata 35 anni nel PCI, gi dirigente del PRC a Bari, deputata uscente si ricandida alla Camera in Molise e Puglia. Ci sono poi i deputati uscenti Walter De Cesaris (31/97), ricandidato alla Camera Lazio 1 e 2; Edo Rossi, ex operaio, poi segretario di categoria e confederale Cgil, segretario provinciale del PRC a Mantova, membro del Comitato politico regionale e nazionale, candidato al Senato Lombardia 27 (Mantova); Tiziana Valpiana, 49 anni, veronese, ricandidata alla camera Veneto 1. Candidato anche Fulvio Grimaldi, ex giornalista del TG3 ora a "Liberazione" che ultimamente stato al centro di un'aspra polemica con Curzi a proposito della sua intervista a Slobodon Milosevic che stata pubblicata, parzialmente, su "Liberazione" solo dopo essere apparsa integralmente sul "Corriere della Sera". Grimaldi candidato al Senato Lombardia collegio di Suzzara. In Toscana oltre a Ramon Mantovani e Titti De Simone, sono candidati alla Camera Monica Sgherri, capogruppo al comune di Firenze e Graziella Pierfederici, consigliera provinciale di Livorno; mentre al Senato si notano Milziade Caprili, della direzione nazionale del PRC, Anna Nocentini, ex consigliere comunale di Firenze, Bruno Belluomini, capogruppo al comune di Viareggio, Roberto Cicali, proveniente dalla FGCI, PCI, consigliere comunale per il PCI dal '70 al '90 con incarichi di assessore in vari periodi e fondatore del PRC nel Mugello nel '91, ha partecipato al ballottaggio per la carica di sindaco a Borgo San Lorenzo e nello stesso comune attualmente capogruppo. "Liberazione" ha vantato anche la candidatura di due operai della Zanussi a Treviso: Paola Morandin, segretaria del circolo di fabbrica del PRC, gi candidata alle ultime regionali, e Italo Zanchetta, ex PCI fino al '76, ha militato in Democrazia consiliare (vicino a DP) e oggi "contiguo" a Rifondazione. Comunque scontata la loro non elezione. Infine da segnalare la candidatura di Livio Togni, della famiglia proprietaria dell'omonimo circo, candidato al Senato in Emilia-Romagna.

PDCI
Il PdCI candida nei posti chiave oltre al presidente Cossutta e al segretario Diliberto tutti ministri, sottosegretari o deputati e senatori uscenti. Armando Cossutta (46/91), l'incallito imbroglione e opportunista, legato a doppiofilo con l'Urss revisionista, ha trascorso una vita nel PCI coprendo a sinistra i gruppi dirigenti succedutisi, ha continuato a imbrogliare fondando il PRC e poi il PdCI e adesso regge la coda ben volentieri al "centro-sinistra", candidato alla Camera uninominale nelle Marche nel collegio 11 (Urbino) e nel proporzionale in Lombardia 1, Piemonte 1 e Emilia-Romagna. Oliviero Diliberto (31/97 e 40/98), attuale segretario del PdCI un deputato uscente. Proviene dalla FGCI. E' stato ministro di Grazia e giustizia nei due governi D'Alema ed candidato alla Camera uninominale Emilia-Romagna (Scandiano) e nel proporzionale in Toscana, Lazio 1, Sardegna. Nerio Nesi (14/96), ex presidente della BNL ad Atlanta, nominato da Craxi, costretto a dimettersi per lo scandalo del traffico d'armi con l'Irak. Gi nei gruppi giovanili DC, poi socialista lombardiano, ma a lungo alleato di Craxi, nel '96 eletto deputato con Rifondazione, nel '98 passa al PdCI e oggi ministro dei lavori pubblici con un reddito complessivo di 50 milioni al mese (fra indennit di deputato, stipendio da ministro e pensione) del governo Amato, candidato alla Camera uninominale in Liguria (Sarzana) e nel proporzionale in Veneto 2, Campania 1, Puglia. Altra ministro del governo Amato Katia Bellillo(40/98), proveniente dal PCI, poi PRC, passata nel PdCI gi stata ministro degli affari regionali nei due governi D'Alema e ora ministro delle pari opportunit, candidata per la prima volta alla Camera uninominale dell'Umbria (Orvieto). Fra i ministeriali si annoverano anche: Claudio Caron (46/98), considerato da sempre un luogotenente di Cossutta, prima nel PCI, poi nel PRC, ora nel PdCI, stato sottosegretario al lavoro nei due governi D'Alema, ora candidato alla Camera proporzionale in Piemonte 2 (Alessandria, Biella, Cuneo, Novara, Vercelli, Verbania); Antonino Cuffaro (46/98), proveniente dal PCI, e gi eletto deputato del PCI nel 1987, poi nel '92 e nel '94 nel PRC, considerato un cossuttiano di ferro, sottosegretario all'Universit dal 1 governo d'Alema ad oggi, si candida alla Camera proporzionale in Trentino-Alto Adige e Sicilia 2; Paolo Guerrini (46/98), proveniente dal PCI, poi PRC fino all'uscita di Cossutta, sottosegretario alla Difesa nei due governi D'Alema e ora sottosegretario al Lavoro nel governo Amato, candidato nel proporzionale nelle Marche. Sono deputati uscenti: Maria Carazzi (31/97), ex docente di geografia all'universit di Urbino che candidata alla Camera proporzionale Lombardia 1; Maura Cossutta (31/97), figlia di Armando del quale ha condiviso il percorso politico, ora candidata alla camera uninominale in Toscana collegio 26 (Cascina) e nel proporzionale in Liguria e nel Lazio 1; Luigi Marino (31/97), proviene dal PCI, ex consigliere comunale a Torre del Greco, tra i dirigenti dell'associazione revisionista Italia-Urss, deputato dal 92 e dal '96 senatore prima col PRC poi col PdCI, si candida al Senato Campania Collegio 4 (Napoli-Ponticelli); Giovanni Meloni (31/97), ex FGCI, poi PCI, "il manifesto", PdUP e di nuovo PCI, poi PRC e PdCI, candidato alla Camera uninominale in Sardegna collegio 1; Mario Michelangeli (31/97), ex PCI, poi PRC e PdCI, candidato al Senato Campania Collegio 5 (Pozzuoli); Rosanna Moroni (31/97), gi cossuttiana nel PRC, candidata alla camera uninominale in Puglia (Molfetta) e nel proporzionale in Toscana; Angelo Muzio (31/97), gi segretario nazionale della Fillea-Cgil, iscritto al PCI dal '72, dirigente nazionale del PRC e deputato dal '92 ora candidato al Senato Piemonte collegio 6 (Rivoli); Marco Rizzo (31/97), ex "Lotta continua" e "Senza Tregua", poi nel PCI, nel PRC e quindi nel PdCI, candidato alla camera proporzionale in Umbria, Lazio 2 e Calabria; Antonio Saia (31/97), medico gastroenterologo e endoscopista, gi consigliere regionale abruzzese, ex consigliere e sindaco a S. Valentino e consigliere provinciale a Pescara per il PRC, ora candidato alla Camera proporzionale in Abruzzo. Infine segnaliamo la candidatura di Gabriella Pistone, nel PCI dal 1982, l'ex compagna di Lucio Libertini, attualmente la segretaria romana del PdCI ed candidata alla Camera uninominale nel Lazio 1, collegio 5 (Roma Pietralata).

MOVIMENTO PER LA CONFEDERAZIONE DEI COMUNISTI
Tale organizzazione il frutto della spaccatura avvenuta nella "Confederazione comunisti/e autorganizzati" dopo pochi mesi dalla sua costituzione. La Confederazione infatti era stata fondata il 7 febbraio 1998 sulla base di un appello pubblicato a pagamento da trotzkisti e operaisti storici come Giovanni Bacciardi, Corrado Delle Donne, Emilia Calini, Leonardo Mazzei, Orietta Lunghi. Tutti dirigenti del PRC usciti dal partito dopo il dietro-front di Bertinotti e Cossutta (all'epoca ancora insieme) sul voto alla finanziaria e la crisi del governo Prodi dell'ottobre '97. Gi il 15 novembre dello stesso anno tale Confederazione si spacca fra chi (la maggioranza) per la fondazione di un "nuovo" partito comunista, e chi (la minoranza fra cui Mazzei e Lunghi) per il rilancio della Confederazione. Questa minoranza, presente essenzialmente in Toscana, decider di proseguire per proprio conto con il "Movimento per la confederazione dei comunisti". Per quanto siamo riusciti a sapere tale "Movimento" si presenta solo in Toscana. Alla Camera proporzionale si presentano i suoi esponenti pi- di rilievo Leonardo Mazzei, lucchese di Castelnuovo Garfagnana, dipendente dell'Enel, ex DP, ex membro del Comitato regionale della Toscana del PRC ed ex membro della direzione nazionale del PRC dalla quale si dimette insieme a Bacciardi il 14 ottobre '97; Orietta Lunghi, ex DP, dall'88 inserita nelle amministrazioni locali: consigliera provinciale e poi regionale per DP, quindi capogruppo del PRC al consiglio regionale della Toscana, poi a capo di un proprio gruppo consiliare; Giovanni Scardigli, ex membro del Comitato politico della federazione fiorentina del PRC, coordinatore RSU empolese e candidato a sindaco di Empoli nel '99; Giovanni Sodani, ex direzione provinciale PRC di Grosseto. Alla Camera uninominale si presentano ancora Mazzei, a Capannori e Francesco Settimo Giuntoli a Lucca; mentre per il Senato si presentano Valerio Gentili, ex PRC nel collegio di Pistoia e Virginio Monti nel collegio di Lucca.

INIZIATIVA COMUNISTA
Di certo si sa solo che stato depositato il simbolo, registrato dal ministero degli Interni, per la Camera in Calabria. Non si conoscono per ora con certezza i suoi candidati. Da precedenti notizie dovrebbe essere candidato il segretario nazionale di questa sedicente organizzazione "comunista", ossia Norberto Natali, che dovrebbe presentarsi alla Camera nella circoscrizione di Crotone. La storia di "Iniziativa comunista" e di Natoli si intrecciano. Natali, secchiano convinto, uscito dal PCI di Occhetto nell'89-'90 e con altri ha aperto una sede a Roma come "Comitato comunisti sempre". Dopo la nascita di Rifondazione tale gruppo vi confluito nel marzo '91 almeno fino al gennaio '94 quando Natali, leader della minoranza romana, esce dal PRC durante il congresso della federazione dando vita a "Iniziativa comunista". Oggi questa organizzazione sospettata, secondo un rapporto dei Ros, di essere fiancheggiatrice delle nuove sedicenti "BR" e viene indagata per l'assassinio D'Antona per i suoi contatti con "Linearossa per la ricostruzione del partito comunista italiano" di Viareggio (un'organizzazione che si scisse dai Carc nel dicembre '97) e con il "Centro di iniziativa popolare alessandrino" di Roma, gi indagato per l'assassinio del collaboratore di Bassolino. Smentiti i rapporti con i filoterroristi, comunque la rivista dei Carc "Rapporti sociali" del gennaio 2001, riporta un'intervista, senza indicarne il nome, proprio al segretario nazionale di "Iniziativa comunista".